Dialecto salentino

De Wikipedia, la enciclopedia libre
Saltar a: navegación, búsqueda
Dialecto salentino
Salentinu
Hablado en Flag of Italy.svg Italia
Región Puglia meridional y Salento
Hablantes 1.500.000
Familia Indoeuropeo

  Itálico
    Romance
      Italorromance
        Sículo-Calabro-Salentino
          Salentino

Escritura Alfabeto latino
Estatus oficial
Oficial en Ningún país
Regulado por no está regulado
Códigos
ISO 639-1 no tiene
ISO 639-2 no tiene
ISO 639-3 tiene no tiene
Idioma salentino.pngVersioni dialetto salentino.jpg
Extensión del dialecto salentino

El dialecto salentino es el dialecto hablado en Salento, territorio de la Apulia meridional.

El área del dialecto salentino comprende toda la provincia de Lecce, parte de la provincia de Brindisi y la parte oriental de la provincia de Tarento.

Autores en dialecto salentino[editar]

Passa e spassa aggiu sciaccatu / cchiù de quiḍḍi ci anu ncaccia; / lu farcune stae nserratu, / e la beḍḍa nu se nfaccia.
(Passa e ripassa, mi sono stancato più di quelli che vanno a caccia: lo scuretto dell'uscio è chiuso e la bella non si affaccia)

da La letteratura dialettale in Italia, v. II, Palermo 1984

Na ndore te purpette se sentìa / ca veramente a nterra te menaa! ...
(Si sentiva un profumo di polpette che ti buttava veramente a terra...)

da Canti de l'auṭra vita, in Poesie, a c. di A. CHIRIZZI, soc. an. Tipografia di Matino, s.d.

Àggiu turnare, àggiu turnare a casa / m'àggiu sṭraccàtu de zzingarisciàre / cu stendu manu e bau ccugghièndu jèntu
(Ritornerò, ritornerò a casa, sono stanco di vagabondare, di stendere la mano e raccogliere vento)

Spettame, 36

Nc'è ccose ca lu Sìndicu de Maje, / ci meju de iḍḍu è bbonu cu lle fazza? / Presempiu cu ssaluta chiazza chiazza, / presempiu cu sse mpenne le maraje
(Ci sono cose che il sindaco di Maglie, chi meglio di lui è capace di farle? Per esempio, salutar di piazza in piazza, per esempio, appendersi le medaglie)

Lu sìndicu de Maje, CP, 59

Quandu la luna mer'a Leveranu / surge russigna comu na brascèra [ ... ] / ndora lu mare e cunta a menza uce / storie de turchi enùti de l'uriente / ca quai scendìanu a branchi comu lupi.
(Quando la luna verso Leverano sorge rossastra come un gran braciere [ ... ], il mare odora e racconta sottovoce / storie di turchi venuti dall'oriente che qui scendevano a branchi come lupi)

Notturno a Torre Lapillo, 79

Gira l'anglu e... surpresa! / Lu spittaculu cchiù granni: / la facciata ti la Chiesa / cunzacrata a SanCiuvanni... / nu ricamu ti scarpieddu / tatùatu nta lu tufu... / ricciuluni t'avucieddu / ncurdunati a nu tissutu...
Gira l'angolo e... sorpresa! Lo spettacolo più grande: la facciata della chiesa consacrata a San Giovanni... un ricamo di scalpello tatuato nel tufo... ricci a volo d'uccello ricamati nel tessuto)

Luna Chiena

A cci mi bbevi cu rringrazzia Ddiu / ca acqua tesi, soli e bbona terra, / pi ffari mpassulà' li crappi gnori; / a Ddiu ca feci amaru lu sutori / ti setti, vinti, cientu fatiaturi, / comu amaru sont'iu alla bbuccata, / ma forti, sangu viu, soli, suštanza!
A chi mi beve, che ringrazi Iddio che acqua diede, sole e terra buona per fare maturare? i grappoli neri; a Dio che fece amaro il sudore di sette, venti, cento lavoratori, come amaro sono io alla ???????, ma forte, sangue vivo, sole, sostanza

"Mieru vecchiu" dedicata al vino di Lizzano