Armando Trovaioli

De Wikipedia, la enciclopedia libre
Saltar a: navegación, búsqueda
Foto de 1951 publicada en Radiocorriere, revista semanal de la RAI.

Armando Trovaioli o también conocido por Trovajoli) (Roma, Italia, 2 de septiembre de 1917 - 2 de marzo de 2013)[1] fue un músico italiano con unas 200 obras como compositor y director.

Fue condecorado con la Orden al Mérito de la República Italiana y ganó el Premio David de Donatello.

Se casó en 1962 con la actriz Anna Maria Pierangeli, con quien tuvo hijo, Howard Andrea; se casó en segundas nupcias en 1970.

Obra[editar]

Principalmente, sus obras son bandas sonoras, tanto para películas como para series televisivas. También desarrolló su música en la rama del jazz, dentro del género de las películas de la Commedia all'italiana. También compuso algunos de los más famosos musicales italianos de las últimas décadas.

Como curiosidad, cabe destacar que una de sus canciones aparece en las películas Kill Bill del director Quentin Tarantino.

Selección de composiciones de música para películas[editar]

1949

1951

1952

1953

1954

1955

1958

1959

1960

1961

1963

1964

1965

1966

1968

1969

  • Il commissario Pepe, regia di Ettore Scola.
  • Dove vai tutta nuda?, regia di Pasquale Festa Campanile.
  • Nell'anno del Signore, regia di Luigi Magni.
  • Vedo nudo, regia di Dino Risi.
  • Rapporto Fuller, base Stoccolma, regia di Sergio Grieco.

1970

  • La moglie del prete, regia di Dino Risi.
  • Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca, regia di Ettore Scola.

1971

  • Il vichingo venuto dal sud, regia di Steno.
  • Noi donne siamo fatte così, regia di Dino Risi.
  • Il prete sposato, regia di Marco Vicario.
  • Stanza 17-17 palazzo delle tasse, ufficio imposte, regia di Michele Lupo.

1972

  • L'uccello migratore, regia di Steno.
  • La mala ordina, regia di Fernando Di Leo.
  • La più bella serata della mia vita, regia di Ettore Scola.

1973

  • La Tosca, regia di Luigi Magni.
  • Sessomatto, regia di Dino Risi.

1974

  • C'eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola.
  • Profumo di donna, regia di Dino Risi.

1976

  • Brutti, sporchi e cattivi, regia di Ettore Scola.
  • Una Magnum Special per Tony Saitta, regia di Alberto De Martino.
  • La prima notte di nozze, regia di Corrado Prisco.

1977

  • In nome del Papa Re, regia di Luigi Magni.
  • Una giornata particolare, regia di Ettore Scola.
  • La stanza del vescovo, regia di Dino Risi.

1982

  • Il conte Tacchia, regia di Sergio Corbucci.

1985

  • Maccheroni, regia di Ettore Scola.

1987

  • Miss Arizona, regia di Pál Sándor.

1988

  • I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci.

1996

  • Giovani e belli, regia di Dino Risi.

Canzoni di musica leggera.

Abbiamo indicato solo il primo interprete, gli autori del testo e gli eventuali collaboratori alla musica.

  • 1950 - Dimmi un po' Sinatra per Quartetto Cetra (testo di Tata Giacobetti).
  • 1951 - È l'alba per Nilla Pizzi (testo di Gian Carlo Testoni).
  • 1958 - Che m'è 'mparato 'a fa per Sophia Loren (testo di Dino Verde).
  • 1961 - Lady luna per Miranda Martino e Jimmy Fontana (testo di Dino Verde).
  • 1961 - Roma nun fa' la stupida stasera per Nino Manfredi e Ornella Vanoni (testo di Pietro Garinei e Sandro Giovannini).
  • 1961 - Ciumachella de' trastevere per Lando Fiorini (testo di Pietro Garinei e Sandro Giovannini).
  • 1963 - O meu violao per Carlo Pes (testo di Screwball).
  • 1964 - Per una notte no per Gianni Morandi (testo di Franco Migliacci).
  • 1965 - La verità per Paul Anka e Carmen Villani (in collaborazione con Carlo Pes; testo di Sergio Bardotti).
  • 1966 - Brillo bollo per Carmen Villani (testo di Giulia De Mutiis).
  • 1968 - Il profeta per Carmen Villani (in collaborazione con Carlo Pes; testo di Antonio Amurri).
  • 1969 - L'amore dice ciao per Andee Silver (testo di Giancarlo Guardabassi).
  • 1969 - Love is a woman per Lydia Macdonald (vocalizzi senza testo).
  • 1973 - Nun je da' retta, Roma per Luigi Proietti (testo di Luigi Magni).
  • 1975 - Aggiungi un posto a tavola per Johnny Dorelli (testo di Pietro Garinei e Sandro Giovannini) -->

Referencias[editar]

Enlaces externos[editar]